Skip to content Skip to footer
Jennifer Lawrence

Jennifer Lawrence, il ritorno della “fidanzata in affitto”

La sua ultima apparizione al cinema è stata in Fidanzata in affitto, nel 2023: presto Jennifer Lawrence tornerà in un film tratto da una graphic novel.

È ufficiale: Jennifer Lawrence tornerà presto al cinema come protagonista del film Why Don’t You Love Me?, adattamento dell’omonima graphic novel di Paul B. Rainey, edito nel 2023 per i tipi di Drawn & Quarterly. Il genere di riferimento è un misto di commedia e fantascienza.

Why Don’t You Love Me?, i dettagli di produzione

Non è ancora noto il nome del o della regista. Ad essersi aggiudicata i diritti cinematografici è l’ormai lanciatissima casa di produzione A24, che quest’anno ha in uscita ben 6 film, tra cui MaXXXine.

A co-produrre il film saranno la protagonista Lawrence e produrrà insieme a Justine Ciarrocchi per Excellent Cadaver. L’attrice collaborerà assieme ad A24 anche a un altro progetto già annunciato che sarà un film di mustero basato sul reality Real Housewives e in passato hanno lavorato insieme al film candidato agli Oscar Causeway.

A produrre il film saranno anche il regista Ari Aster, Lars Knudsen ed Emily Hildner di Square Peg, mentre l’autore della graphic novel originale sarà il produttore esecutivo.

A firmare la sceneggiatura sarà Robert Funke, già autore della serie tv On Becoming a God in Central Florida

Non è ancora nota una possibile data di uscita.

La trama del nuovo film con Jennifer Lawrence

Una coppia infelicemente sposata fatica a gestire la vita personale e professionale fino a rendersi conto che la realtà non è ciò che sembra e che potrebbero esserci delle alternative.

Il libro al quale si rifà il film è stato descritto così: “Una commedia nera che tratta di matrimonio, alcolismo, depressione e rimpianto per le opportunità perdute. Paul B. Rainey ha creato una realtà alternativa esilarantemente terrificante in cui la confusione e il dolore possono portare le persone a fare scelte sbagliate, ma che alla fine potrebbero anche condurre alla libertà”.