Skip to content Skip to footer
Sigourney Weaver

Sigourney Weaver premiata alla Mostra del Cinema di Venezia

Sigourney Weaver sarà onorata alla Mostra del Cinema di Venezia di quest’anno, ricevendo un meritatissimo riconoscimento per la sua straordinaria carriera.

Sigourney Weaver, una delle attrici più versatili e acclamate della sua generazione, sarà onorata con il Leone d’Oro alla carriera all’81esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. La carriera della Weaver, caratterizzata da una straordinaria varietà di ruoli, spazia dai blockbuster d’azione come Alien e Avatar alle commedie come Ghostbusters e Galaxy Quest, passando per biopic e drammi d’autore. La sua capacità di muoversi agilmente tra generi diversi l’ha resa un’icona del cinema contemporaneo.

Sigourney Weaver, l’ascesa con Alien e le candidature all’Oscar

La svolta decisiva per la carriera di Sigourney Weaver è arrivata nel 1979, con il ruolo di Ellen Ripley nel film Alien di Ridley Scott. La sua interpretazione di una protagonista forte e resiliente ha ridefinito il ruolo delle donne nel cinema d’azione, trasformandola in un’eroina leggendaria. La sua performance nel sequel del 1986, Aliens – Scontro finale, diretto da James Cameron, le è valsa la prima candidatura all’Oscar come Miglior Attrice.

La Weaver ha ottenuto altre due nomination agli Oscar: di nuovo come Miglior Attrice per il suo straordinario ritratto della primatologa Dian Fossey nel biopic del 1988 Gorilla nella nebbia, diretto da Michael Apted. La sua interpretazione intensa e commovente ha catturato la complessità e la passione della vita di Fossey, impegnata nella protezione dei gorilla di montagna.

Nello stesso anno, ha ricevuto anche una candidatura come Miglior Attrice Non Protagonista per la commedia Una donna in carriera, diretta da Mike Nichols, dove ha interpretato il ruolo di una dirigente d’azienda ambiziosa e manipolatrice. La sua performance versatile e convincente ha messo in evidenza la sua abilità di eccellere in ruoli molto diversi tra loro, dimostrando una gamma attoriale notevole e una profonda comprensione dei personaggi che interpreta.

Sigourney Weaver

Un riconoscimento strameritato

“Un’attrice del calibro di Sigourney Weaver ha pochi rivali”, ha dichiarato Alberto Barbera, direttore artistico della Mostra di Venezia. Barbera ha sottolineato la voglia dell’attrice di mettersi sempre in discussione “attraverso scelte che spaziano dal film di genere alla commedia, dal cinema d’autore a quello per bambini”.

Il direttore ha infine elogiato la Weaver poiché “dotata di un grande temperamento, capace di muoversi con delicatezza ma senza fragilità, ha imposto un’immagine di donna sicura e determinata, dinamica e tenace, non senza lasciar trapelare, con sfumature sempre diverse, una sensibilità femminile di intenso magnetismo”.

Il ringraziamento di Sigourney Weaver

“Sono davvero onorata di ricevere il Leone d’Oro alla carriera dalla Biennale di Venezia. Questo premio è un privilegio che condivido con tutti i registi e collaboratori con cui ho lavorato nel corso degli anni. Accetto con orgoglio questo riconoscimento, che celebra anche tutti coloro che hanno contribuito a dare vita a questi film”  quanto dichiarato dall’attrice, che ha così espresso la sua gratitudine per il prestigioso riconoscimento.